//SIGNA MANENT – Scuola di Grafica d’Arte e Progettazione dell’Accademia di Belle Arti L’Aquila

SIGNA MANENT – Scuola di Grafica d’Arte e Progettazione dell’Accademia di Belle Arti L’Aquila

LA SCUOLA DI GRAFICA D’ARTE E PROGETTAZIONE DELL’ACCADEMIA DI BELLE ARTI DELL’AQUILA A PUZZUOLI NELLA MOSTRA SIGNA MANENT

L’Aquila 5 Ottobre 2017 – L’Accademia di Belle Arti sbarca a Pozzuoli (NA)Sabato 7 ottobre 2017, alle ore 19.00, si inaugura la mostra “Signa Manent” della Scuola di Grafica d’Arte e Progettazione dell’Abaq, con la presentazione del Presidente Roberto Marotta, del Direttore dell’Accademia Marco Brandizzi e la curatela dei docenti Valter Battiloro, Fabio Di Lizio, Carlo Ferroni, Veronica Longo, Carlo Nannicola e Fabrizio Sebastiani, presso l’Atelier Controsegno, in Via Napoli 201, Pozzuoli, Napoli (Lungomare Bagnoli, stazione Cumana Dazio). Per l’occasione, si esibisce il gruppo Terra di Fuoco, che presenta Megaris Megaride, un lavoro inedito e originale.

L’Accademia di Belle Arti L’Aquila ha accolto con entusiasmo l’invito dell’Associazione Controsegno per la partecipazione all’esposizione Signa manent, che aderisce anche a una della iniziative della XIII Giornata del Contemporaneo, in quanto da anni la nostra istituzione, oltre a proporre un’offerta formativa nel campo della arti visive con corsi di Grafica, Decorazione, Fotografia, Pittura, Scultura, Scenografia e Restauro ha come elemento fondativo il rapporto con i territori e le loro esigenze e opportunità di lavoro, culturali e artistiche che permettono agli studenti di verificare concretamente le conoscenze e i concetti che acquisiscono nei laboratori e nelle aule dell’istituto.

Si realizza così una inedita interconnessione tra l’ABAQ e Controsegno, il cui incontro non è casuale: da sempre la galleria è punto d’incontro internazionale per la diffusione e promozione dell’incisione, in uno scambio e connubio continuo tra gli artisti delle arti visive e performative. I lavori selezionati per la mostra sono il risultato di un’accurata elaborazione della didattica attraverso la ricerca e la sperimentazione svolta durante il corrente anno accademico 2016/2017 e nei precedenti, al fine di ottenere una formazione degli allievi quanto più possibile approfondita e compiuta. A questo, si aggiunge l’apertura nei confronti dei docenti stranieri che arrivano a L’Aquila per fornire il loro apporto (tra questi si ricorda il seminario di Saunier prosecutore del famoso Atelier 17, alla messa in sicurezza di tutti i laboratori e attenzione per l’utilizzo di materiali e metodologie che salvaguardino la salute di chi le adopera e l’ambiente (non a caso, nel prossimo febbraio 2018 sarà ospite dell’istituzione l’artista cilena Maria Angélica Mirauda, creatrice delle tecniche atossiche Grabado Verde).In questa ottica di “scambio” è pure l’esposizione Signa Manent, che pone a confronto docenti e allievi, rigorosamente selezionati per le loro qualità incisorie ed espressive o la scelta di supporti alternativi per la stampa, come lattice, ecopelle, plexiglas…

Il fine della manifestazione non consiste solo nell’esposizione di elaborati ma comporta, per gli studenti, il valore dell’esperienza di prendere parte come protagonisti ad una mostra partecipando a tutte le fasi esecutive necessarie. Si dice spesso verba volant scripta manent, ma forse ciò che davvero resta è il segno, che sia esso scritto o inciso su una roccia ai primordi dell’umanità o su matrici in metallo, legno o pietra… Attraverso “simboli” da noi codificati, queste “tracce” si perpetuano nel tempo, unendo popoli e tradizioni lontani e millenari, in un unico desiderio, quello di tramandare ai posteri nel tempo il mistero e l’affascinante alchimia dell’incisione.

2017-10-05T22:51:57+00:00 ottobre 5th, 2017|