L’Accademia di Belle Arti ricorda la figura del filosofo Emanuele Severino.

La poesia di Massimo Cacciari*

Così scompare Severino –
a noi dice di aprire gli occhi a quella Gioia
che già questa esistenza in sé rivela
se comprendi come essa non è il Tutto,
ma saldamente al Tutto si collega,
Necessità col Tutto la armonizza,
e col nome di eterno sai chiamarla

*la Repubblica – Mercoledì, 22 gennaio 2020 – Pagina 31