/, Ufficio stampa/All’Accademia di Belle Arti dell’Aquila si inaugura il primo laboratorio 3D

All’Accademia di Belle Arti dell’Aquila si inaugura il primo laboratorio 3D

Fab Lab ABAQ 2015
L’Aquila 17 marzo 2015 ore 12.00 Accademia Belle Arti – Via Leonardo da Vinci

L’Aquila 12 marzo 2015 – Giornata importante, il prossimo 17 marzo, per l’Accademia di Belle Arti dell’Aquila che inaugura FabLab il laboratorio di fabbricazione digitale realizzato grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila. L’istituto aquilano è il primo in Italia a dotarsi di una struttura didattica innovativa e all’avanguardia dotata di laser cutter, stampante 3D, scanner 3D e fresatrice a controllo numerico, strumenti indispensabili per realizzare prototipi di qualunque genere nonché come supporto alla diagnostica ed alle applicazioni relative al restauro. Gli studenti con questi strumenti potranno seguire lo sviluppo di un progetto dall’idea alla realizzazione.

L’appuntamento è dunque il 17 marzo prossimo alle ore 12.00 presso la stessa Accademia alla presenza del Presidente Roberto Marotta e del Direttore Marco Brandizzi; del Presidente della Fondazione Carispaq Marco Fanfani e del Direttore Generale del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca Mario Alì.

Sempre il 17 marzo prossimo a partire dalle ore 9.30 si svolgerà l’ Open Day, l’Accademia apre le sue porte e presenta agli interessati, ai futuri studenti, alla città e alla regione la sua offerta formativa, la sua storia, le sue peculiarità didattiche di ricerca e produzione nonché le novità e i progetti per il prossimo anno accademico. Cinque diversi indirizzi di studio, organizzati secondo il tradizionale sistema 3+2 (Pittura, Scultura, Grafica, decorazione e Scenografia); un corso di diploma a ciclo unico di secondo livello, in Restauro, accreditato MIBACT – MIUR tra i pochissimi in Italia a consentire la specializzazione sia nel settore lapideo che tessile, ligneo e del contemporaneo e che, al termine del percorso quinquennale previsto per legge, conferisce una laurea pienamente abilitante alla professione di “restauratore di beni culturali”. Un laboratorio per la sperimentazione dei processi di stampa in 3D; un teatro, laboratori modernamente attrezzati di pittura, scultura, grafica, decorazione, restauro e scenografia, nonché una serie di collegamenti internazionali per gli scambi culturali che, gestiti dall’Ufficio Erasmus, costituiscono una ragguardevole opportunità per gli studenti; e infine un corpus di docenti che porta avanti con pieno merito la ricerca e lo studio nell’arte e nella tradizione espressiva contemporanea. Questa, in sintesi, l’Accademia di Belle Arti dell’Aquila che, martedì 17 marzo, aprirà le sue porte alla ricezione degli studenti degli ultimi anni degli istituti superiori, per coinvolgerli in laboratori ed esperienze didattiche volte a far loro comprendere le tante opportunità di studio e di lavoro che l’Accademia può offrire loro, in base ad un sistema di studio ormai pienamente riorganizzato che garantisce un diploma perfettamente equipollente alle corrispettive lauree universitarie.

2017-06-03T08:44:47+00:00