Home/Teoria e Metodo dei Mass Media (Quinquennale)
< Catalogo generale dei corsi

Scheda del corso
Teoria e Metodo dei Mass Media (Quinquennale)

Campo disciplinare

Teoria e metodo dei mass media

Settore disciplinare: ABPC65 - Teoria e metodo dei mass media

Docente: CAPUCCI Pier Luigi

Corso di diploma accademico: Ciclo unico (Quinquennale)

Periodo: II Sem

Ore: 45 / CFA: 6 / Corso Teorico

Scuole afferenti: Restauro (PFP1) Restauro (PFP2)

Programma del corso

Il corso affronta gli aspetti fondamentali della comunicazione mediata nelle sue varie declinazioni (mass media, personal media, new media, social media…) e l’impatto delle tecnologie sul panorama mediale contemporaneo.

Attraverso un percorso storico, teorico e tecnico il corso si snoderà dall’evoluzione della comunicazione simbolica alla nascita e diffusione dei mass media, fino alla colonizzazione del digitale e ai media tecnologici contemporanei. In questo contesto si analizzeranno, anche mediante la fruizione e la discussione di esempi rilevanti, varie forme contemporanee di comunicazione ed espressione in relazione ad alcune tematiche chiave della contemporaneità.

 

Queste tematiche sono:

 

– la complessità come dimensione del sociale e dei media;

– le tecnologie di comunicazione, il digitale e la riproducibilità dell’informazione;

– gli aspetti sensoriali della comunicazione mediata;

– la simulazione come capacità delle tecnologie e dei media di “copiare” il reale;

– la dimensione algoritmica della vita quotidiana e le problematiche di security e privacy nei media contemporanei e nella società.

 

Una parte monografica conclusiva, di natura seminariale, affronterà l’argomento del Climate Change, dei cambiamenti climatici, e della sua rappresentazione nei media.

 

L’esame

 

Per sostenere l’esame è necessaria la conoscenza dei testi obbligatori (A) più un libro a scelta (B) e la presentazione e discussione di una tesina, o di un progetto, o di un elaborato (C).

 

  1. A) I testi obbligatori

 

  • Pier Luigi Capucci, Realtà del virtuale. Rappresentazioni tecnologiche, comunicazione, arte, Ravenna, Noema, 2015, eBook o a stampa (https://goo.gl/3ySb8b).
  • Materiali del corso. Le diapositive e i materiali delle lezioni a cura del docente, liberamente scaricabili dal Learning System del Corso (http://e-lab.space). Le istruzioni per l’accesso saranno comunicate a lezione.

 

  1. B) Un libro a scelta tra i seguenti (la data di pubblicazione si riferisce alla prima edizione)

 

  • Roland Barthes, La camera chiara, Torino, Einaudi, 1980.
  • Walter Benjamin, L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, Torino, Einaudi, 1966.
  • Jay D. Bolter, Richard Grusin, Remediation, Milano, Guerini, 2002.
  • Lev Manovich, Il linguaggio dei nuovi media, Milano, Olivares, 2002.
  • Marshall McLuhan, Gli strumenti del comunicare, Milano, Il Saggiatore, 1967.
  • Erwin Panofsky, La prospettiva come “forma simbolica” e altri scritti, Milano, Feltrinelli, 1961.
  • Gene Youngblood, Expanded Cinema, Bologna, CLUEB, 2013.

 

Una bibliografia/webgrafia ad hoc sarà inoltre fornita a richiesta agli studenti in base alla ricerca, progetto o elaborato che svilupperanno.

 

  1. C) La tesina, oppure il progetto, oppure l’elaborato

 

Oltre alla conoscenza dei testi obbligatori e di un testo a scelta l’esame verte sulla discussione di una tesina (ricerca), di un progetto (o partecipazione a progetto) o di un elaborato (un progetto realizzato) il cui argomento deve essere scelto e proposto dallo studente e approvato dal docente. La tesina, il progetto o l’elaborato vanno concordati in tempo utile con il docente e consegnati almeno quindici giorni prima della data d’esame. Informazioni dettagliate sulla realizzazione e sulla dimensione della tesina, del progetto o dell’elaborato saranno fornite a lezione e saranno disponibili anche sul learning system del Corso (http://e-lab.space).